Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘cose da ricordare’ Category

Questa mattina dopo il caffè, mentre davo il latte ai pipistrelli piccoli e tentavo di svezzare gli altri,* ho avuto una subitanea illuminazione.

Subitanea, poi, un corno. E’ tutto l’inverno che schiaccio pinoli (avete presente la rogna di schiacciare pinoli, si? Che se metti troppa forza li spappoli, e troppo poca non si aprono).  Ovviamente sono pinoli mentali, avevate capito.

L’illuminazione è questa: è iniziata una nuova fase della mia vita, mentre io stavo lì a contare e lavorare. (Come ho detto a qualcuno, infatti, il 2019 sarà ricordato come l’anno in cui ho imparato a contare, io che per mille ottime ragioni sono stata così impedita nel farlo da… mmmmsempre. )

Ma non è questa la svolta (oddio, un po’ sì anche ),  è piuttosto la sensazione che finalmente, una volta conquistata una stabilità effettiva , SOPRA ci si può mettere qualunque cosa. 

Certo, diciamo che queste fondamenta hanno richiesto 42 anni, che neanche quelle della Sagrada Familia, ma che vuoi che sia. In fondo cos’altro avevo da fare, meglio tardi che mai, non c’è trippa per gatti, e tutti i nodi vengono al pettine.

Insomma capito? Quelle che avevo opposto alla mia completa espressione fenotipica, non erano scuse come ho sempre pensato, ma delle reali impossibilità.

E’ molto bello quando ti puoi assolvere a posteriori, una pratica spirituale che potremmo appropriatamente ribattezzare Vaffanculo Zen.

Ora sono molto impegnata a preparare il qualunque cosa di cui sopra, perché a quanto pare la mia autentica natura, la mia espressione fenotipica, la mia vocazione nascosta, il mio talento criptico, si situa a metà strada tra il Fico e il Complicato. Tra il “Non lo so fare” e il “Lo farò anche solo per non continuare a rammaricarmi di non averlo fatto.”

Ma prima che ai soliti intimi vengano in mente pensieri arroganti tipo “io lo avevo sempre detto” ci tengo a precisare che non ha alcuna importanza cosa sanno gli altri di noi, ma cosa noi sappiamo di noi, e quando.

Voglio sottolineare questa perla di saggezza con una ricettina adorabile per usare delle rimanenze in dispensa, che per puro caso è venuta bene.

Biscottini Cocco Zen

Accendere il forno.

140 gr farina

100 gr farina di cocco (che la compri nel 1999 per fare quelli con la ricotta e poi ti resta lì per 10 anni)

una tazzina di olio (mais? soia? motori? vedete voi)

50 gr zucchero (il mio era a velo, altra rimanenza)

100 gr latte di qualcosa (mucca, soia, il mio era d’avena, un animale molto interessante)

buccia di limone (trattato e non lavato, se vi aggradano i pesticidi, oppure il contrario, ognuno ha i suoi gusti)

impastare tutto, fare delle palline , o delle piramidi, o degli sbrogliasomarelli, e mettere in forno a 180° per 15 minuti.

Nota bene: L’odore di cocco e limone che si spande per aria è il vero odore di questo post. 

 

* continua a fare uno strano effetto, questa frase, anche dopo 9 anni di volontariato con tutela pipistrelli.

Annunci

Read Full Post »

Ok, foto a parte:
  • sono passati 13 anni dalla mia prima ‘solitaria’ a questa seconda, e per quanto mi riguarda possono passarne altri 13, perché sì viaggiare da soli è bello e si conosce un sacco di gente, ma in compagnia ci si diverte troppo di più
  • Milos stupenda, Santorini Meh, Creta grande e montagnosa, con alcune strade da brivido e mille differenze tra qui e ——> qui
  • non sono ancora persuasa che quel colore sia *del tutto* reale
  • anch’io voglio fare il giardino tutto bianco e vari blu
  • decisamente non sono una malata di viaggi, ma ogni tanto uno ci sta proprio bene

Read Full Post »

Per i prossimi giorni, che come vi sarete accorte sono intensi e brillanti come si conviene alle correnti di primavera, prevedo che tutte noi sirene saremo impegnate in un complesso numero di giocoleria.

Teniamo sempre presenti i punti fondamentali:

  • Incastrare gli impegni di tutti deve sempre tener conto, in primo luogo, della conservazione della nostra parte. Una sirena scontenta non è utile a nessuno.
  • Ogni tanto, scivolare segretamente in un turpiloquio da Troll è utile: troppa eleganza rende distanti.
  • L’orgoglio per un lavoro ben fatto è importante tanto quanto la voglia di migliorarsi, l’ambizione senza soddisfazione è solo ansia.
  • Teniamoci uno spazietto per fare gli occhi dolci a qualcuno: il canto delle sirene è proverbiale, ma senza desiderio è difficile cantare.
  • …e soprattutto, mai dico mai venire meno alla regola fondamentale: solidarietà tra creature fantastiche! L’ostilità ha senso solo tra immortali.

 

Risultati immagini per mermaid anchor

 

Read Full Post »

E dopo le upupe a primavera, stasera una civetta sul pino davanti a casa. La gattina cui cerco di spigare che non può camminare sulla tastiera.

Considerazioni sulla malizia, sulla profondità dei momenti intimi con sconosciuti, su che tipo di relazioni vorrei, sul libro che ho iniziato (Zero zero zero di Saviano: ovvero come la coca disegna il mondo), su come nessuno è giudicabile nei trip che decide di seguire (quando ha la fortuna di poter scegliere), sulla trama che regge le vite.

Odori familiari o ritrovati, storie che possono cambiare la tua storia.

 

Read Full Post »

Domenica sono venute a trovarmi le mie ziette acquisite, ovvero le storiche amiche di mamma. Una c’era mentre nascevo, l’altra l’ha accompagnata a veder la casa di cui si era innamorata. Quella Casacarnaro che io poi ho venduto per prendere questa.

C’era anche la mia mamma, tutte e tre con rispettivi mariti, che sono stati gentili e divertenti ma hanno fatto sfondo, diciamolo.

Abbiamo parlato, tutte insieme e a tu per tu, mi hanno consigliato l’abbigliamento per un matrimonio, hanno opportunamente lodato la casa, le ho portate al Wave Market che era stato allestito nel mio vivaio (meraviglia!) dove abbiamo acquistato tutti insieme la splendida stampa della sirena e del marinaio al chiaro di luna, che ora intenerisce i miei rientri.

E poi Martedì è venuta l’amica Q con Mina, la pupa tonda e buonissima di cui sono io la zietta acquisita… abbiamo fatto il primo pranzo all’aperto di questa casa, abbiamo parlato come se vivessimo ancora a due passi, abbiamo progettato modifiche nell’arredo, e ho visto in un attimo tutti i piani temporali fondersi l’uno con l’altro: nuove e vecchie pupe, ziette che nascono e i cui figli si sposano e che erano i bimbi delle settimane estive e che un domani ecc.

Ho sbagliato: non un cerchio, ma le onde.

Onde di tempo una sull’altra.

little_waves_by_icelectricspyro-d58ahh1

 

Read Full Post »

L’altroieri sono andata alla presentazione di un libro al centro, e mi sono fatta uno struggente giretto di Roma al tramonto prima, e una serata piuttosto surreale ma piacevole dopo.

Ieri sera a cena a Fiumicino un amico una cena di pesce e un lungomare spumoso hanno creato uno spettacolo di sensi.

Stamattina sono stata al primo interessantissimo incontro di orticultura nella magnifica ex-cartiera latina, poi un giretto al vivaio, poi alla visita guidata a Big City Life, ovvero il progetto di streetart in un comprensorio di Tor Marancia, illustrato da un ragazzo del quartiere che ci ha incantati raccontandoci, nomi e dialetto alla mano, il significato e la storia di questi quadri giganti.

Decisamente sono felice di aver optato per essere più fruitrice che organizzatrice.

immagine-copertina_Big-City-Life_Tor-Marancia-Roma

 

Read Full Post »

Ieri ho deciso che avevo finito. Non ho finito veramente, ma a un certo punto bisogna fermarsi, altrimenti ci sarà sempre un’altra mano di rasante da dare, un angolo da stuccare, una ritoccata di pittura sugli aloni. Ho dato una pulita generale (continuerò a togliere polvere e macchie di pittura per tutto il 2016 suppongo) e tolto lo scotch carta.

Togliere lo scotch carta è il gesto che decreta la fine dei lavori: da quel momento in poi sono rifiniture. E’ come spacchettare un regalo, come togliere il cellophane da un imballo, come tagliare l’etichetta dei vestiti.

Il camino tira benissimo, il che significa che consumerà una quantità spropositata di legna… prevedo anni a trafugare rami caduti in qualunque boschetto disponibile. Ma quando lo vedo, il culo che mi sto facendo acquista significato, per cui bene così.

cropped-catasta-di-legna

In compenso, so che il primo anno (facciamo dieci) in una casa sconosciuta è costellato di scoperte, piacevoli e soprattutto spiacevoli. Per esempio da me la portafinestra sarà da sostituire, i termosifoni del salotto perdono (ora ci sono due graziose tazze sotto alle estremità), le serrande sono sbilenche, la porta fa spifferi… Insomma la lista “cose da aggiustare” è bella cicciosa, ma siccome ho finito le monete farò una cosina per volta.

Direte ma allora che lavori hai fatto fare. Imbiancata parziale, trasporto e montaggio del camino, demolizione del casottino, sostituzione di una finestra, e cordolo del vespaio in giardino (creava infiltrazione).

A voi non interessa, ma io me lo scrivo perché quando sarò arrampicata sulla scala a sostituire la serranda con il tutorial aperto e le madonne volanti, sarà utile avere sottocchio il percorso fatto.

Oggi inizio a traslocare, e conto di finire perché di vivere di nuovo in due case (come anni fa) non presenterebbe i vantaggi che aveva all’epoca.

Senza contare che martedì io faccio l’albero, e devo avere le mie cosine sotto mano,  nei giorni seguenti vorrei confezionare i regalini che ho in mente, e ho la smania di giocare in giardino (ora è devastato). Insomma ho fretta di avere tutto là.

albero+di+natale

Inoltre per capodanno arriva un’ospite il cui buon gusto mi mette in soggezione:  la casa sta già assumendo quell’aria pratica e spartana che mi caratterizza, pertanto è piuttosto lontana dal concetto di comfort ed eleganza che invece caratterizza l’ospite in questione…

Vuol dire che la porterò spesso al mare, così che la vista dell’orizzonte sopperisca all’austerità dell’alloggio.

Vado a traslocare, vi avverto quando finisco eh.

Read Full Post »

Older Posts »