Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2018

Neve

Complice la neve, oggi sono sonnacchiosa morbida e voluttuosa, e me ne resto a casa (prima quella di Thekisser, e poi la mia) a fare i bilanci.

I bilanci sono quella cosa che a seconda dell’umore del momento possono essere belli o brutti, ma tanto uno li fa sempre, quindi preferisco considerarli necessari, o almeno utili, se non altro per fare pulizia.

Ma per farli bisogna aprire un Chianti, come minimo.

Le mie foto di Roma con la neve le descrivo, così potete guardarle anche se siete ciechi (fatevele leggere da qualcuno in quel caso)

  • La Casilina bianca al risveglio, lenzuola a righe, mille baci a rubare ancora un po’ di leggerezza prima delle beghe da risolvere, e colazione con gli uccellini alla finestra
  • Mettere in ordine dei libri non miei – voluttà da compulsivi- senza esagerare perché ancora non ci conosciamo abbastanza
  • Lo scalo in una norcineria enorme fantastica in cui cercare di acquistare solo il minimo
  • La via del mare con neve, sole, sottofondo di radio classica e odore di porchetta calda che avevo preso perché “metti che me se ferma la macchina sul raccordo?”
  • Creepy che zampetta in giardino su un tappeto soffice e ghiacciato per la prima volta , liberare avocadi e coronilla dal carico, l’orchidea selvatica con i boccioli rosa ostinatamente visibili nel bianco
  • Swiffer sdraiata su di me in una pausa tra le faccende domestiche
  • Vino e camino e il computer aperto con la playlist swing, le ricette con arancia e uvetta, e sul tavolo 3 libri da studiare e 1 da leggere

Dice va beh, queste sò le foto, ma sti bilanci andò stanno?

Qui:

I conoscenti dell’associazione che si occupa di senza dimora – in cui sono stata per qualche mese- mi ricordano che queste felicità assolute e perfette, lo sono solo perché ho il culo di non vivere in strada, e di poter riscaldare casa (mia, peraltro) quanto mi pare. La neve non è roba da poveri.

L’altra volta che ne ha fatta tanta così, abitavo in una casa che continuo a sognare di notte di tanto in tanto, ma che da sveglia non può competere con questa, anche perché lì il camino non c’era; avevo due gatte diverse da quelle che ho ora, sedute sulla mensola sopra al termosifone facevano quello che fanno Creepy e Swiffer adesso: mi ricordano che gli umani sono solo una delle specie animali in circolazione,e di sicuro non la migliore ; all’epoca sono andata a trovare amici diversi da quelli che vedrò questa settimana; sentivo la stessa musica, ma non la ballavo; avevo più paura, e meno voglia di scienza in corpo; ma dopotutto scrivevo qui, per aggiornare le stesse persone di allora.

basho

 

Annunci

Read Full Post »