Feeds:
Articoli
Commenti

…che poi aveva ragione la Leoncina (che se vi ricordate è mia mamma):

Se hai tempo di stare al computer, non hai tempo di vivere. E viceversa.

E adesso, benedetto viceversa.

Dalla mia postazione in macchina (ormai diventata succursale di casa) ieri sera al telefono organizzavo contemporaneamente:

  • un evento con i pipistrelli
  • un clandestino* di swing al porto
  • due regali, uno di matrimonio e uno di 40 anni
  • un menù
  • un piano settimanale

…e ora vado, che sono in ritardo dalla paziente, da un’amica, all’appuntamento telefonico con un’altra, in azienda agricola, e in campagna.

La revisione di questo pezzo verrà eseguita in data da destinarsi.

*Un ballo clandestino è un raduno in strada non autorizzato per ballare insieme. Diversamente dal Flash mob, non ha una coreografia definita né una finalità diversa dal semplice ballare.

Risultati immagini per clandestino swing

Oroscopo Sirene

Per i prossimi giorni, che come vi sarete accorte sono intensi e brillanti come si conviene alle correnti di primavera, prevedo che tutte noi sirene saremo impegnate in un complesso numero di giocoleria.

Teniamo sempre presenti i punti fondamentali:

  • Incastrare gli impegni di tutti deve sempre tener conto, in primo luogo, della conservazione della nostra parte. Una sirena scontenta non è utile a nessuno.
  • Ogni tanto, scivolare segretamente in un turpiloquio da Troll è utile: troppa eleganza rende distanti.
  • L’orgoglio per un lavoro ben fatto è importante tanto quanto la voglia di migliorarsi, l’ambizione senza soddisfazione è solo ansia.
  • Teniamoci uno spazietto per fare gli occhi dolci a qualcuno: il canto delle sirene è proverbiale, ma senza desiderio è difficile cantare.
  • …e soprattutto, mai dico mai venire meno alla regola fondamentale: solidarietà tra creature fantastiche! L’ostilità ha senso solo tra immortali.

 

Risultati immagini per mermaid anchor

 

Aprile 2017

Ora che mi sento come un topo nel formaggio, mi capita di fantasticare sul futuro: il prossimo passo è probabilmente un casale (disclaimer per i miei genitori: tra MOLTI anni, e comunque possono stare tranquilli che quel giorno non chiederò a loro un aiuto per il trasloco )

Il destino, invece di pensare: “Beh vedi, si sente così tranquilla che ha ripreso a fare progetti, ha pure recuperato la fissa del casale!”, deve aver pensato al trasloco come i miei, e così sta allestendo un bel po’ di piacevolezze per non farmi sentire neanche l’ombra di una stasi.

maxresdefault

 

Tornare a pattinare, per dire, mi ha riportato un piacere del movimento che cercavo da tempo. Non sarebbe stato possibile senza l’osteopata, dalla quale peraltro torno tra un’oretta.

L’osteopata è una iusm (non fisioterapista quindi), bionda gnocca sportiva e svampita. Tutti dicevano che è bravissima. Io la detestavo. Pensavo fosse spocchiosa, e falsa.

Così ho pensato: “Stelmarì, non è da te. O sei gelosa perché ti dicono che è brava (che ci può stare),  oppure è un pregiudizio perché non è fisioterapista, e questo è il modo insopportabile che hanno molti tuoi colleghi di sentirsi Stocazzo, quindi rimettiti a studiare come prima cosa, dopodiché riprova a prendere appuntamento e vai a vedere perché ti sta sul culo”. E così ho fatto. E’ brava veramente, quindi finalmente anch’io ho un’aggiustaossa. Senza contare che riprendere a studiare è sempre un bene.

Mi sono anche innamorata del Lindy Hop (il ballo swing), per cui adesso faccio quelle robe surreali di passare la domenica mattina sui tutorial per imparare i primi passi (sono una pippa) in attesa di iscrivermi ad un corso. Mi devo sbrigare, perché quest’anno a Senigallia ci vado, e vorrei evitare di farmi prendere troppo in giro.

Sebbene io non ne faccia una questione di dignità, sia chiaro: quella l’ho persa tanti, tanti anni fa, credo quel giorno in cui ho preso l’autobus da Piazza Sempione verso Tiburtina, sola, vestita da Sailor Moon, in un’epoca in cui i cosplayer di oggi non erano ancora nati. Avevo 24 anni, e se ci ripenso ancora oggi credo che di tante figure di merda quella sia stata una delle più rischiose… Ma non divaghiamo.

Oltre al pattinaggio, al Lindy Hop, al lavoro, al fare il salvadanaio al solo nobile scopo di pagare le tasse, al temere questa guerra che vedo arrivare a grandi falcate, e a constatare le 10 piccole differenze tra i miei rapporti di qualche tempo fa e quelli di ora, continuo a godermi micie e giardino.

Ieri di Upupe sul pino davanti casa ce n’erano DUE (l’anno scorso una) come a dire che anche loro volevano fare la loro parte per movimentare la questione. Mi è dispiaciuto non aver segnato quest’anno il giorno in cui ho notato l’arrivo delle rondini, fatto sta che ora il lungomare è tutto uno stridìo.

Sono stata in barca per Emergency, sto visitando Roma come poche altre volte, ho creato un gruppo per chi vuole sapere cosa c’è di molto fico da fare , e adesso vado a farmi aggiustare le ossa.

Calvin_e_Hobbes_2

 

 

draw-a-mermaid-001

“Siccome mi sveglio alle 6 e non ho voglia di darmi subito da fare, oggi cara sirena ti voglio fare un vaticinio, una previsione,o se vuoi una profezia.

Sarà attendibile? Sarà risolutiva? 

No.

Primo perché io le stelle non le bazzico, e secondo perché siamo tante sirene nel mondo, è impossibile che una previsione vada bene per tutte. Ma che ci importa? Se non succede nulla, potremo sempre pensare di essere le eccezioni.

Quindi io predico a tutte noi che nei prossimi giorni succederanno almeno:

  • un evento inaspettato (bello)
  • un episodio divertente (ma pure tu guardati intorno, se te ne stai sempre a casa c’è poco da ridere)
  • una nuova conoscenza (non per forza con un essere umano)
  • una restituzione (pratica, emotiva, di salute o di oggetti)
  • …e un incontro piccante (vale tutto: peperoncino, sesso, zenzero, pensiero)

Se riesci a viverli tutti in uno (tipo: incontro piccante e inaspettato con una persona divertente che ti restituisce la voglia di ballare, ma vanno bene anche delle combinazioni meno scontate) vinci il portachiavi della magica botta di culo.”

Pokémon presenta sus peluches con forma de culo

 

 

Care sireImmagine correlatane, bentornate di qua.

Il povero Rob -che ormai è chiaro non telefona più alle stelle, ci si scrive solo su wa sbagliando col t9- questa settimana ci consiglia di temporeggiare.

A parte che se temporeggiamo così tanto, chiediamoci se non sia un problema di disbiosi e magari servono dei fermenti lattici, ma poi il consiglio di continuare mi sembra francamente inadatto alle sirene.

Che se c’è una cosa che facciamo anche troppo, è stare lì ferme a riflettere.

 

Per cui, non dategli retta, sorelle e fratelli sireni, e procediamo con il nostro oroscopo fatto apposta:

 Una mia paziente, alla richiesta di eseguire un esercizio, mi ha fatto presente di essere ‘molto vecchia’. Questo per intendere che non garantiva sul risultato.

Le ho chiesto ‘Quanto vecchia?’

Tutta una vita‘, mi ha risposto.

Ti invito a cogliere la bellezza di una frase così esauriente, cara sirena.

Perché è proprio così: per diventare abbastanza vecchia da non aver più tanta voglia di agire, devi aver prima vissuto tutta una vita di azione.

Ti suggerisco perciò, questa settimana, di scegliere una delle azioni che rimandi da tempo con delle scuse ormai fruste, e metterla in atto con la pianificazione e la grazia acquisiti negli anni. Darai così un senso all’aver aspettato fino ad ora, e nello stesso momento ti toglierai il dubbio se sei troppo cresciuta per fare proprio quella cosa lì.

E se dovesse venirti voglia di temporeggiare ancora, prendi dei fermenti lattici.”

 

 

 

Intervista

Ciao a tutti, siamo di Radio Sticazzi, oggi per la rubrica “cose interessantissime” intervistiamo Stelmaria, che ha deciso di riaprire il blog dopo le blande insistenze di un’amica.

RS: “Salve Stelmaria, come mai ha riaperto il blog?”

S: “Mi mancava, quella revisione dei pensieri. Quando l’immaginazione è solitaria, tende ad essere confusionaria. Sapere che l’amica legge, mi costringe ad un editing di questo sfarfallìo mentale.”

RS: “E allora perché l’aveva chiuso?”

S: “Perché entravo in una metamorfosi, e durante le metamorfosi tutte le creature sono vulnerabili”

RS: “Durante quest’anno non ha scritto?”

S: “Ho scritto ma erano semplici resoconti pallosi, e ho trasferito tutto”

RS: “Può farci un riassunto non palloso?”

S: “L’estate scorsa: volo in parapendìo, vacanza con amici a Piombino, grosso lutto, compleanno surreale con terremoto. Autunno: amiche ostiensi, nuovi inizi lavorativi, amici storici a casa, compleanno della casa. Inverno: letargo.”

RS: “Molto esaustivo. Può darci un’anteprima di come sarà questo nuovo scrivere sul blog?”

S: “Certo, saranno perlopiù scemenze. Less is more, la felicità è nelle piccole cose, e quella roba lì”

RS: “Ringraziamo Stelmaria per l’intervista in esclusiva, e passiamo alla rubrica Pulire la Verdura, seguiteci!”

Risultati immagini per pulire la verdura

cinismo illustrato (bored panda)